Il gioco – di Pablo Asensio

Il Gioco

di Pablo Asensio

 

14 fotografie sono lo spunto di altrettanti racconti. Frammenti di vita quotidiana, nella quale a volte irrompe l’insolito, ma anche fantapolitica, noir, fantascienza e sociale.

In “La panchina” il fine vita, che spesso si affaccia fra i racconti, è dipinto con struggente poesia, sotto forma dell’amato Aurelio, che con la  bici viene a prendersi la sua Luisa, come nei bei vecchi tempi, che ormai è ora, anche per lei, anziana e malata, di lasciare la sua vita.

Ne “Il loggiato”, l’anziano ragionier Sesana “arrotonda” da anni facendo il mimo da strada.

“Il professore”, racconto di fantapolitica, ottimo spunto per un romanzo lungo: in un mondo fin troppo simile al nostro, in cui la sostenibilità del welfare viene garantita da una nuova legge che dà un lavoro a figli e nipoti di chi si suicida rinunciando alla pensione, un vecchio professore si ostina a vivere per protesta.

Ne “Il premio”, una donna, resa ricca da una vincita alla lotteria, uccide il marito e la di lui amante e decide di cambiar vita, ma, per un impeto di civile gentilezza, aiuterà il terrorista che causerà la sua morte.

Nel fantascientifico e comico “La sfortunata missione” alcuni alieni,  catapultati sulla terra trasformati in gatti, dopo un iniziale difficile adattamento troveranno assai piacevole la vita da felino.

Lettura piacevole, non priva di spunti di riflessione.

© Recensione a cura di Emma Della Contrada

 

Acquista su Amazon

Autore: Pablo Asensio
Titolo: Il gioco
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 106
Data di pubblicazione: 2017
Casa editrice: Self Publishing

Lascia un commento