Una vita come tante – di Hanya Yanagihara

Una vita come tante

di Hanya Yanagihara

 

30. Una vita come tanteUna storia epica e magistrale sull’amicizia e sull’amore nel XXI secolo. In una New York sontuosa e senza tempo vivono quattro ragazzi, compagni di college e di vita, che da sempre sono stati vicini l’uno all’altro. Si sono trasferiti nella grande metropoli da una cittadina del New England e all’inizio sono alla deriva, senza un soldo in tasca, sostenuti solo dalla loro amicizia e dall’ambizione. Willem, dall’animo gentile, vuole fare l’attore. JB, scaltro e a volte crudele, insegue un accesso al mondo dell’arte. Malcolm è un architetto frustrato in uno studio prestigioso. Jude, avvocato brillante e di enigmatica riservatezza, è il loro centro di gravità. Nei suoi riguardi l’affetto e la solidarietà prendono una piega differente, per lui i ragazzi hanno una cura particolare, una sensibilità speciale e tormentata, perché la sua infanzia è stata segnata da una serie di violenze, e la sua vita oscilla tra la luce del riscatto e il baratro dell’autodistruzione. Intorno a Jude, al suo passato, alla sua lotta per conquistarsi un futuro, si plasmano campi di forze e tensioni, lealtà e tradimenti, sogni e disperazione. E la sua storia diventa quella di un’amicizia arcana e profonda, in cui il limite del dolore e della disperazione è anche una soglia da cui può sprigionarsi l’energia accecante della felicità. Caso editoriale del 2015, forse il più importante romanzo letterario dell’anno, opera di rara potenza e originalità, Una vita come tante è doloroso e spiazzante, scioccante e magnetico. Vasto come un romanzo ottocentesco, brutale e modernissimo per i suoi temi, emotivo e realistico, ha trascinato lettori e critica per la sua forza narrativa, capace di creare un mondo di profonda, coinvolgente verità.

Ok… Questo libro è un po’ un casino. Nel senso; è molto bello, ma…
La storia è bellissima, i personaggi sono caratterizzati bene, l’ambientazione, anche se non si capisce il periodo, è gradevole, e nonostante sia lungo più di mille pagine, lo si legge velocemente, un po’ per lo stile easy e un po’ perché la storia di questi 4 ragazzi, poi incentrata solo su uno, ti prende. E qui, complimenti all’autrice… La mia “perplessità” è un’altra, cioè la storia. La storia non mi ha emotivamente coinvolta. Ho parlato molto di questo libro con chi lo ha letto, e tutti, inevitabilmente, mi hanno detto di aver versato lacrime a fiumi, cosa che però a me non è successa. Ho letto un bel libro, punto. Non eccelso. Un libro che, sempre secondo me, è stato costruito; tipo le storie alla Maria De Filippi in “C’è posta per te”. Guardi il programma, ascolti i problemi, ti dispiace, ma sotto sotto, hai la sensazione che sia tutto ben congeniato. Certo, la Yanagihara è una scrittrice e il suo lavoro è quello di costruire storie, ma visto l’argomento delicato, forse, avrebbe potuto raccontarlo in maniera diversa, più… non lo so. E sicuramente avrebbe potuto tagliare un po’ di ripetizioni. Comunque, il libro è bello e lo consiglio. Magari sono io che ho “il cuore di pietra”. Voi leggetelo, perché, a parte tutto, merita.

Autore: Hanya Yanagihara
Titolo: Una vita come tante
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 1104
Data di pubblicazione: 2016
Casa editrice: Sellerio

Acquista su Amazon

Rispondi