Vita di Miranda

Vita di Miranda

di Luigia Pantalea Rovito

 

Un libro storico consigliatissimo per adulti e ragazzi, che non può mancare in una libreria e nemmeno nelle antologie scolastiche.

Il 17 di novembre del 1907 nasce Miranda, una “bambina fortemente desiderata e molto amata”, intorno a cui ruotano personaggi che le formeranno il carattere e segneranno l’esistenza. Un personaggio, Miranda, che diventa un omaggio sulla scia emotiva delle tante partigiane che hanno reso possibile la Lotta per la Liberazione.

Un romanzo poetico nel linguaggio e armonioso nel suo insieme. La storia di Miranda si alterna alla Storia della nostra Penisola in un crescendo avvincente. Ne esce una figura femminile che illumina la categoria, in grado di far emozionare e riflettere. Una creatura delicata e impavida, votata agli ideali di libertà.  “La storia di una donna con il sogno di fare la giornalista, ma nata nel momento sbagliato, che sente una voce dentro di sé che la spinge a non lasciarsi dominare senza combattere.” Una donna che ammette di “non poter tollerare di conoscere già oggi tutto l’andamento della sua esistenza.”

Il libro è uno spaccato di vita del passato, un passato che i più giovani hanno solo letto e mai vissuto, e che i protagonisti vivono come quotidianità e ci raccontano facendoci immergere in un mondo a tinte cangianti. Il tutto alternato da pagine storiche che ripercorrono con fedeltà l’evoluzione degli avvenimenti.

Esiste la tinta rosa dell’infanzia, dove Miranda pur risultando “nata sotto la metà del cielo riservata alle persone ricche”, non ha vita facile. L’antitesi stessa della sua vita la condiziona al punto tale da non potersi dire davvero felice. Quella screziata dell’adolescenza in cui scopre che la felicità sta nella libertà.  Pur vivendo un’infanzia serena, restando una bimba molto amata, comincia a porsi alcune domande che i suoi genitori e la classe sociale a cui appartiene non sono in grado di soddisfare. Per questo trova conforto nel maestro che contribuirà a risvegliare la coscienza sociale, civile e politica della bambina. Esistono poi tinte grige. Perché lei nasce donna, e come tutte le donne deve sottostare a regole ben definite. Ad esempio il matrimonio combinato, la relegazione a compiti prettamente femminili, e l’accettazione di quello che il mondo dell’epoca permette a chiunque.

Dipinge senza stravolgere i fatti; lascia spazio ai personaggi di vivere e raccontare; permette di seguire da distante l’evoluzione di una vita dalla sua alba al suo tramonto e tutto quello che le passa accanto. Un libro che sa di profumo di borotalco, una sensazione che accompagna per tutta l’immersione della lettura. Piacevole e indimenticabile.

Autore: Luigia Pantalea Rovito
Titolo: Vita di Miranda
Genere: Narrativa
Pagine: 283
Data di pubblicazione: 2016
Casa editrice: bookabook
Acquista su Amazon

2 pensieri riguardo “Vita di Miranda

Lascia un commento