Fili argentei

Fili argentei

di Sal Meri

 

Chi ha ucciso Elsa Marini? Perché ritagliare le lettere SF sulla sua camicetta dopo averla assassinata? L’ispettore Tristano Badassi e la sua squadra indagano a modo loro. Sono tenaci, testardi, e soprattutto amici per la pelle. Quando il quotidiano diventa troppo amaro e difficile da tollerare, trovano rifugio da Giova’. Qui tutto riprende colore e ha un senso. Nel bar di Giova’ i legami dell’amicizia si ispessiscono e l’indagine procede davanti a un rosso. L’ispettore Badassi scoprirà chi ha ucciso Elsa affidandosi alle sue doti di conoscitore dell’animo umano e alla sua visione agro-dolce delle passioni che rodono. Ha un segreto anche lui, come tutti. Droga, amori, rimorsi e cupidigia si alterneranno, sconvolgendo vite un tempo tranquille. L’apparenza inganna. Belle ragazze che cercano di fare soldi in fretta, spavalde fuori e ingenue dentro; una psicologa confusa in balia dei sentimenti. Un thriller all’italiana con poliziotti che super-umani non sono.
Entrate nel mondo dell’Ispettore Badassi, dei suoi aiutanti Cangemini, Geronzi e Graziani e del suo bassethound, Napoleone! Ne rimarrete affascinati.

Libro decisamente particolare, e per lo stile che inizialmente non mi ha fatto impazzire, ma che ho imparato ad apprezzare, e per la storia, contornata da paranoie che in alcuni punti, soprattutto all’inizio, mi ha messo ansia. L’uso eccessivo dei dialoghi, che personalmente adoro perché solitamente rendono il libro più fluido, in questo caso mi ha reso un po’ difficile la comprensione e in alcuni punti ho dovuto rileggere per capire chi, diceva cosa. Come dicevo prima, la storia mi è piaciucchiata, nel senso che ho trovato la storia principale interessante, il contorno, un po’ meno. Però devo dire che questa atmosfera da anni venti, che si respira all’inizio, è molto interessante. Questi incontri sotto la pioggia, velati da una leggera nebbia di mistero, mi hanno ricordato Casablanca, che, chiariamoci, non ha nulla a che vedere con il libro, e la troviamo principalmente nella prima parte del libro. Contraddittorio è il giudizio complessivo, nel caso non lo si fosse capito, ma non me la sento di dire che mi ha fatto impazzire così come non me la sento di dire che non mi è piaciuto. Se dovessi dare un giudizio numerico, oscillerebbe dal sei al sette.

Autore: Sal Meri
Titolo: Fili argentei
Genere: Giallo
Pagine: 184
Data di pubblicazione: 2016
Casa editrice: Pubblicazione indipendente

Acquista su Amazon

Lascia un commento